Albert Einstein vs. Darth Vader – Please Don’t Use the Force

vid2

Patrick Boivin è un talentuoso regista canadese che adora lavorare con la stop-motion e le action figures. In colpevole ritardo ho scoperto questa sua chicca recente, dove il povero Darth Vader le prende da chiunque, compreso… Albert Einstein!

Il canale YouTube di Patrick Boivin:

Posted in Video | Tagged , , , , | Leave a comment

‘Doctor Who: 50 Years’ Trailer – The Day of the Doctor

Doctor-Who-DOTD-banner-three-doctors-wide-560x282

E finalmente è uscito il primo trailer dedicato allo special per i 50 anni di Doctor Who!
Il 23 novembre appare ancora così lontano, sigh! :)

 

Posted in Doctor Who, fantascienza, Serie TV | Tagged , , , | Leave a comment

Superman e Batman – il film nel 2015

superman-batman-logo

Al Comic-Con di San Diego il regista Zack Snyder ha annunciato che il sequel di Man of Steel vedrà come co-protagonista Batman, realizzando finalmente quel team-up cinematografico di cui si vociferava anni e anni.

Sentiamo come l’ha presa Bruce:
batman_dramma

Posted in cinema, DC Comics, Fumetti, L'angolo del fanboy | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Terminator 2 – Shocking Dark

terminator-2-shocking-dark-aff

Da tempo ero curioso di visionare questa pellicola bizzarra e devo dire che ho sorriso non poco :)
Realizzata da Bruno Mattei, come suggerisce il nome, cerca di sfruttare la fama di Terminator, ma in realtà il film va oltre, plagiando di fatto Aliens, innestando sul finale elementi del primo Terminator. Con un finale che definire Deus ex Machina è poco.
Ma andiamo per ordine.
Venezia, in un prossimo futuro non ben definito.
La città è oramai completamente sommersa e invivibile. Un team di scienziati incaricati di trovare una soluzione al disastro ambientale viene sterminata da qualche minaccia non ben identificata.
Per indagare viene inviata una squadra di soldati ben addestrati, denominata “Megaforce”, affiancati da una balda scienziata e un ambiguo soggetto inviato per conto della multinazionale che finanzia il progetto.
Avete già sentito questa storia?
Già, è la trama di Aliens, in ambientazione veneziana. O meglio, in ambientazione industriale, dal momento che tutto il film è girato all’interno di una fabbrica, in sostanza (e si risparmia sul set! :) Personalmente confesso di avere un amore per queste soluzioni italiane, di arrangiarsi al meglio, nei film di genere :) ).
Tutta la parte centrale del film è in sostanza presa di peso dalla sceneggiatura di Aliens, tanto che persino le situazioni e alcuni dialoghi sono identici. Non arriviamo a sentirli dire “escono dalle fottute pareti”, ma andiamo molto vicino.
Gli effetti speciali dei mostri sono abbastanza miseri (d’altra parte deve essere stato un film a bassissimo budget). Senza spoilerare troppo, la pellicola ha una “svolta” quando il losco figuro svela i suoi piani, sullo stile di Ash del primo Alien e il film si trasforma nella copia di Terminator.
Il guizzo di originalità emerge negli ultimi dieci minuti del film, quando la trama viene risolta con un Deus ex Machina che compare senza giustificazione alcuna (siamo ai livelli della macchina blocca-tempo di Starcrash-Scontri stellari oltre la 3a dimensione), vi anticipo solo che l’azione si svolge tra le calli di Venezia.
Che dire, un film da vedere?
Solo se siete appassionati delle adorabili pazzie del cinema italiano di genere di quel periodo o volete sorridere in relax per un’oretta e mezzo gustandovi le assurdità della pellicola, commentandola assieme agli amici :)

Titolo originale Terminator 2
Paese     Italia, Filippine
Anno     1990
Durata     90 min
Colore     colore
Audio     sonoro
Genere     azione, fantascienza
Regia     Bruno Mattei (come Vincent Dawn)
Soggetto     Claudio Fragasso
Sceneggiatura     Claudio Fragasso (come Clyde Anderson)
Produttore     Franco Gaudenzi
Casa di produzione     Flora Film
Fotografia     Richard Grassetti
Montaggio     Bruno Mattei
Musiche     Carlo Maria Cordio
Scenografia     Giovanni Paolucci
Interpreti e personaggi
Christopher Ahrens: Samuel Fuller
Haven Tyler: Sara
Geretta Geretta: Koster
Fausto Lombardi: Lieutentant Franzini
Mark Steinborn: Commander Dalton Bond
Dominica Coulson: Samantha
Clive Riche: Drake
Paul Norman Allen: Kowalsky

 

Posted in cinema, fantascienza | Tagged , , , , , | Leave a comment

Catherine Hickland e la “maledizione” di Supercar

0

Ieri sera mi trovavo a guardare Robowar, un “clone” italiano di Predator, se così si può dire. Tra gli interpreti vi è presente Catherine Hickland. Hickland, umm, il nome non  mi era nuovo e spinto dalla curiosità verifico.
E in effetti… la Hickland fu moglie di David Hasslehoff dal 1984 al 1989.
David Hasslehoff, come molti immagino sanno, oltre a essere la star di Baywatch, fu in precedenza, dal 1982 al 1986, il protagonista della serie Knight Rider, nota in italia come Supercar, dove interpretava il ruolo di Michael Knight.
La vita a volte è davvero dotata del senso dell’umorismo. La Hickland si risposò nel 1992, fino al 2006.
Suo marito si chiamava…
Michael E. Knight.
:)

Posted in cinema, Serie TV | Tagged , , , , , , | Leave a comment

L’Eclisse nel cuore… semmai i crampi allo stomaco.

r4daiieypxxl3k72sr3i-300x300

(alert: Fanboy inside)
Premettiamo una cosa.
Non sono un amante sfegatato delle cover, specie quando l’interprete originale propone una esecuzione d’impatto chela rende unica (ancora soffro con le cover di Wuthering Heights di quella dea del canto che risponde al nome di Kate Bush).
Qualche giorno fa ascolto la radio, e per la prima volta sento questo:

Dopo alcuni minuti di smarrimento, Michele vostro ha la seguente reazione:

Nek. Malefico, lo sapevo. Hai colpito anche qui.
Ora, non voglio infierire su questa cover italiana.
Voglio solo che ascoltiate la canzone originale, il pathos, l’intensità dell’interpretazione di Bonnie Tyler. E poi siate sinceri. Nella cover italiana, quanto è rimasto della potenza di questo classico?

Ora, scusate, vado a prendere un antiacido…  😀

Posted in L'angolo del fanboy, Musica, Personale, Riflessioni | Tagged , , , , , | 1 Comment

Una violinista diversa dal solito: Lindsey Stirling

lindsey-stirling-1

Nei mesi passati a lavorare per Social King, impegnato a dragare la rete in cerca di video interessanti, mi sono imbattuto in svariati personaggi interessanti e talentuosi.
Di Lindsey Stirling mi sono “innamorato” subito. Talentuosa e visivamente d’impatto, le sue esibizioni non lasciano indifferente.
La sua fama esplode nel 2010 con la partecipazione ad America’s Got Talent, di cui vi riporto due performance:

Da qui, Lindsey ha cominciato a “capitalizzare” e negli ultimi mesi il suo canale YouTube si è arricchito di vari video, tra cui è difficile scegliere.
Personalmente vi propongo “Spontaneous Me”, il primo video di caratura “professionale”:

Un team-up con altri due talenti musicali di YouTube, Jake Bruene e Frank Sacramone:

Una tripla Lindsey:

E freschissimo, un omaggio al Signore degli Anelli:

Per il resto… c’è il suo canale YouTube! :)

Posted in Musica | Tagged , , , | Leave a comment

Conan the barbarian (2011)


Con un bel po’ di ritardo, finalmente me lo sono visto.
E, incredibile a dirsi, non mi è dispiaciuto. sarà stato per le aspettative basse, non so, ma scorre via piacevolmente.
Considerata l’assenza di una sceneggiatura. In quanto la trama presentata nel film altro non è che una raccolta di luoghi comuni di una qualsiasi “quest” classica del fantasy: l’eroe che cerca vendetta, il malvagio alla ricerca del manufatto che lo renderà invincibile, l’incontro/scontro con la fanciulla con cui prima ci si litiga poi ci si fa l’amore, ovviamente la fanciulla è vitale per gli scopi del malvagio, primo scontro perso con il malvagio e conseguente ritirata, fanciulla rapita, scontro finale, i buoni vincono e l’eroe cavalca verso l’orizzonte. Per me è sempre un “trauma” indovinare gli snodi della trama con largo anticipo, ahimè!
Tenuto conto di questo (enorme) limite, il film svolge il suo compitino fantasy. Ho sentito paragonare questo film con un episodio qualsiasi di Xena. Ehm, un episodio medio di Xena ha una sceneggiatura più curata :) (oltre ad avere Lucy, adorabile donna :) )
Jason Momoa si comporta bene, è un piacevole protagonista. Lo dico più che altro a beneficio degli spettatori maschi, so che molle spettatrici sono più che soddisfatte solo nel vederlo in cotal veste 😀
E’ sempre un piacere vedere in azione Ron Perlman, in qualsiasi ruolo, in qualsiasi film, quell’uomo è una garanzia.
Rose McGowan nel ruolo della pazza strega figlia del Malvagio secondo me rende (entro i limiti enormi del film, lo ricordo),merito molto anche del make-up. Quella che davvero è fuori posto è Rachel Nichols.
Ora, io amo il faccino di Rachel Nichols, fosse solo per il fatto che ha fatto parte di quella gran bella serie che era Alias (siate sempre maledetti, voi sceneggiatori di Alias, per avermi stuprato il finale di quella serie, vi odio :D), ma qui non era fuori parte. DI PIU’. La sua credibilità come virginea monaca depositaria di grandi misteri è semplicemente zero assoluto. Sembrava una studentessa americana in gita scolastica.

Tirando le somme: non è un film imperdibile. Ma se volete passare un’oretta e mezza spensierata senza troppe pretese, scorre bene.

Adesso, però, un film serio su Conan, vediamo di farlo, ok?
Parlo di questo signore qui sotto, grazie :)

Posted in cinema, fantasy | Tagged , , , , , | Leave a comment

Perché gli adattamenti superficiali sono IL MALE

The Man Who Saved Christmas

L’altra sera mi sono visto parzialmente un film, “The Man who saved Christmas“.

Per farla in breve, narra in chiave romanzata la storia di come Alfred Carlton Gilbert, costruttore di giocattoli, riuscì a convincere il governo americano a non sopprimere le festività natalizie nelle ultime fasi della Prima Guerra Mondiale.Ma non ci interessa questo.Gilbert costruiva anche l’Erector Set, un gioco di costruzioni con barre di metallo, viti e bulloni, speculare al famoso Meccano, nato invece in Inghilterra nel 1901.

Alla fine del film, viene ricordato che i giochi di Gilbert allietarono i bambini per oltre mezzo secolo e che nel 1949 l’Erector Set venne utilizzato per costruire un prototipo funzionante di cuore artificiale sperimentale.

Bene. Indovinate come e’ stato adattato Erector Set in italiano?

Meccano.

Per cui non solo è sbagliatissimo, ma fornisce allo spettatore una informazione sbagliata, per cui chi vede quel film, per esempio, crede che sia stato usato il Meccano per costruire il la pompa cardiaca artificiale.

Bastavano 5 MINUTI con Google per risolvere il problema.

Per la cronaca, ora il marchio Erector Set è effettivamente proprietà di Meccano, che lo utilizza per il mercato USA. Ma questo non cambia l’errore.

PS l’immagine rappresenta un Dalek realizzato in Meccano (per chi non li conosce, sono classici alieni malvagi della serie “Doctor Who“)

Posted in cinema, Personale, Riflessioni | Tagged , , , , | 1 Comment

Portrait: Tying Tiffany

no images were found

Matite Derwent + matite colorate su foglio ruvido Fabriano F4, 33x24cm.
Graphite derwent + colored pencils on Fabriano F4 rough sheet, 33×24cm.

Model: Tying Tiffany.

Posted in illustrazioni, Musica, ritratti | Tagged | Leave a comment